Come uscire dalla dipendenza affettiva

Come uscire dalla dipendenza affettiva

dipendenza-affettivaIn una relazione capita spesso di dipendere dall’altra persona, ma quando si parla di dipendenza affettiva si parla di un disturbo psicologico dal quale si deve guarire.
I dipendenti affettivi sono persone che non riescono a prendere decisioni da soli, che hanno bisogno di appoggiarsi al proprio partner e che hanno una forte paura dell’abbandono.
Per riuscire a non perdere la persona che hanno accanto sono disposte ad essere sempre accondiscendenti e a sopportare spesso anche umiliazioni, tradimenti, bugie, violenze psicologiche e in casi estremi anche fisiche.
Ma come si può uscire dalla dipendenza affettiva?

  • Prendere consapevolezza: prendere atto di essere dipendenti è il primo passo verso la guarigione.
  • Imparare ad amarsi: imparando ad amare se stessi si riesce ad amare meglio anche gli altri.
  • Ritrovare la propria autonomia: smettere di appoggiarsi all’altra persona e cercare di diventare autonomi può essere difficile, ma aiuta ad uscire dalla dipendenza.
  • Combattere la paura della solitudine: la più grande paura del dipendente è la solitudine. Combattendo questa paura si può arrivare a non dipendere più da nessuno.
  • Ricordarsi di avere potere: il dipendente tende a dare tutto il potere al partner. In realtà, deve coltivare anche il suo.
  • Ritrovare la curiosità: il mondo al di fuori della coppia viene completamente ignorato dal dipendente. Ritrovare la curiosità potrebbe aiutarlo a non dipendere più dall’altro.
  • Scoprire l’origine del problema: in questi casi è giusto scavare nel proprio passato per scoprire il problema che sta alla base della dipendenza affettiva, per usarlo come punto di partenza verso la guarigione
  • Spezzare il circolo vizioso: non bisogna aver paura di interrompere la routine in una relazione che spesso non è sana come dovrebbe. Quando è necessario si deve trovare il coraggio.
  • Riportarsi al centro dei propri pensieri: gli unici bisogni importanti devono essere i propri, non più quelle del partner.
  • Rivolgersi ad un esperto: spesso il percorso di guarigione è molto complesso, per questo l’aiuto di un esperto è essenziale per raggiungere la propria libertà.

Amare l’altra persona, in questi casi, diventa una vera e propria forma di sofferenza. Il proprio benessere viene messo in secondo piano, per dare la priorità al benessere dell’altro. Questo tipo di amore è spesso molto nocivo, ed è essenziale trovare la via d’uscita per ritrovare la libertà emotiva e per ritrovare se stessi, dopo essersi a lungo abbandonati per dedicarsi completamente ad un’altra persona.

Avatar
Scritto da

Chiara Nava

Venticinque anni, mamma di una principessa ribelle di tre anni e mezzo, pubblicista, blogger e web editor. Amo scrivere, è tutto quello che ho sempre fatto, è tutto quello che sono. Ed amo leggere ed inventare favole insieme alla mia bambina. Nel mio piccolo, attraverso le parole e la scrittura, vorrei combattere il silenzio assordante che spesso avvolge la violenza sulle donne.

Lasciaci un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *