Dead of Summer: rivelazione o flop?

Dead of Summer: rivelazione o flop?

Un lago, un campeggio, ragazzi che fanno da animatori ed Elizabeth Mitchell a dirigere il tutto come supervisore.

No, non è una nuova esperienza da provare, bensì l’ultima idea di Edward Kitsis e Adam Horowitz insieme all’aiuto di Ian Goldberg. Praticamente l’intera produzione di Once Upon a Time e Lost in onda su Freeform (ex ABCfamily).

Giunta finora solo al secondo episodio, la serie sembra avere tinte più dark delle precedenti portate in scena dagli stessi produttori e sembra dividere la critica in chi la ritiene una serie nuova in cui il nostro trio delle meraviglie porterà qualcosa di inaspettato e chi, al contrario, la vede come il classico horror psicologico estivo stile classico horror americano vicino al lago.

Si sa, nell’immaginario collettivo solo una cosa può accadere in un campeggio vicino ad un lago: l’assalto di qualche serial killer psicopatico che magari si annida tra i protagonisti.

Non volendo spoilerare nulla, mi limito a dire che al momento la serie sembra un po’ stereotipata ma conoscendo i produttori potremmo aspettarci una notevole crescita dei personaggi e delle loro vicende. I personaggi, nei due episodi iniziali, sembrano usciti da Scary Movie ma sembrano anche portare con sé quell’alone di mistero che potrebbe tradursi in una grande sorpresa per tutti ed una grande rivelazione. Sicuramente per dare un giudizio definitivo è troppo presto. Insomma, per poter dire se Dead of Summer sarà un flop o una rivelazione dovremmo attendere fino al finale di stagione quindi più o meno intorno a fine agosto (gli episodi totali sono dieci).

Piccola parentesi sul cast: oltre ad Elizabeth Mitchell, che abbiamo visto nei panni di Juliet in Lost e della Ice Queen in Once Upon a Time, ritroviamo Elizabeth Lail, che in Once Upon a Time ha vestito i panni di Anna, Eli Goree (The 100), Mark Indelicato (Ugly Betty) e Zelda Williams (figlia di Robin Williams).

Per maggiori informazioni sulla serie continuate a seguirmi anche su Telefilia

Ventotto anni, appassionata di viaggi e letteratura e con il sogno nel cassetto di diventare scrittrice. Nel frattempo scrivo racconti nell'attesa dell'ispirazione per creare qualcosa di migliore, venero i ravioli cinesi e mi drogo di serie TV.

Commenti

1 Commento
  1. posted by
    Dead of Summer: considerazioni finali | Forelsket
    Ago 31, 2016 Reply

    […] due mesi fa, in questo articolo, mi chiedevo se questa nuova serie tv targata Freeform con le firme dei famigerati Edward […]

Lasciaci un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *