Di che colore è questo vestito? #thedress, il fenomeno virale che divide il web.

Di che colore è questo vestito? #thedress, il fenomeno virale che divide il web.

Sul web non si parla d’altro: di che colore è questo vestito?
Questo domanda, diventato un rompicapo, sta facendo impazzire letteralmente milioni di utenti in tutto il mondo.

Ma di cosa si tratta?

8e1c3f73-1b72-497d-bd29-0c97d442c509
Photo credit: http://images.vanityfair.it/  di che colore è questo vestito?

L’immagine è stata postata per la prima volta giovedì scorso, 25 febbraio, dalla cantante folk scozzese Caitlin McNeill, sul suo tumblr , con questa didascalia:

“Ragazzi per favore aiutatemi – questo vestito è bianco e oro oppure blu e nero? Io e i miei amici non ci mettiamo d’accordo e stiamo impazzendo”

1a76b45e-7533-420c-ab56-a43d547c3b27
Photo credit: http://images.vanityfair.it/

In breve tempo questa domanda è diventata virale, tanto da diventare top hashtag su Twitter, da meritarsi un sondaggio sul sito americano Buzzfeed e da scomodare persino le più famose celebrità tra cui Ellen DeGeneres, Taylor Swift, Ariana Grande, Justin Bieber e Kim Kardashian.

bluedress-315-new
Photo credit: www.wired.com

La risposta immediata, quella che ha visto un risultato maggiore (il 72 per cento circa), è stata “bianco e oro”, ma in realtà non c’è una risposta giusta e una sbagliata, in quanto alcune persone lo vedono, infatti, blue e nero, altre bianco e dorato.

Da Wired arriva una risposta dalla biologia, secondo cui la percezione varia a seconda della persona che guarda.
La luce, infatti, penetra l’occhio con diverse lunghezze d’onda a seconda dei diversi colori e quando giunge alla retina, raggiunge la corteccia visiva, la parte del cervello che elabora i segnali visivi e ci restituisce una sola immagine.
Il nostro cervello scarta intuitivamente lo sfondo e la luce, al fine di vedere il colore “vero” di un oggetto.

Unknown-660x748
Photo credit: www.wired.com

Jay Neitz, neuroscienziato all’Università di Washington, ha spiegato che ci sono diversi fattori che contribuiscono in modo importante quando osserviamo le cose.

Ad esempio l’età:

“La retina dell’occhio cambia lungo il corso della vita e in generale si è più sensibili alla luce blu, quando si è più anziani”

E l’illuminazione, l’uomo è infatti dotato del cosiddetto ‘adattamento cromatico’, il che vuol dire che il colore rosso sembra ancora rosso, se la scena è ben illuminata, ma tutto cambia se l’illuminazione è colorata.

Se entro in una stanza e accendo una luce rossa, gli oggetti bianchi riflettono la luce rossa. E se c’è un oggetto rosso, anch’esso rifletterà la luce rossa.” Quando il cervello elabora i colori in una stanza illuminata di rosso, è molto probabile che riconosca il colore bianco in tutti gli oggetti, anche se in condizioni normali quel determinato oggetto è rosso.

spiega Neitz.

Il vestito è in vendita sul sito di Roman Originals a poco più di settanta euro, ma sul mercato non c’è alcuna versione bianco-oro.
Il marchio produttore, infatti, ha postato la foto originale dell’abito con questo messaggio:

Possiamo confermare che l’abito è blu e nero!

Non riesco a parlare di me facilmente, non so mai cosa dire perché sono più che convinta che non bastano due parole per raccontare una persona. Potrei fare “una lista della spesa “ per scrivere tutte le cose che adoro e che odio, ma mi dilungherei troppo quindi semplicemente dico che mi piace andare controcorrente e mi piace ascoltare le persone che hanno una storia, che hanno ancora voglia di far sentire la propria voce in un mondo fatto da stanze in cui si sente solo il rumore dei tasti sulla tastiera.

Lasciaci un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *