Game of Thrones – Recensione episodio 5×07

game of thrones

Game of Thrones recensione 5×07: Ne mancano tre alla fine, praticamente alea iacta est. Eppure a me sembra ancora tutto moooolto in alto mare. Episodio 5×07, bello ma, per i miei gusti, arrivato troppo tardi. A tre ore, più o meno, dalla fine di tutta la quinta stagione le cose si sono smosse: Daenerys ha incontrato Tyrion e Jorah, Cersei trova qualcuno che finalmente le tiene testa, Sansa finalmente realizza di essere preda di psicopatici e che forse avrebbe dovuto dar retta a Brienne quando poteva. Proverò a descrivere questo episodio in modo dettagliato.

  • Grande Inverno

A Grande Inferno.. ehm, Inverno, è passato qualche giorno dalle nozze tra Sansa e Ramsay e le cose non vanno bene. Theon entra in camera di Sansa per portarle del cibo e guardandola piangere rannicchiata nel letto fa un gesto che, a mio parere, è stato molto dolce: chiude le finestre dalle quali sta entrando la neve. In quel momento mi è sembrato quasi pentito di ciò che ha fatto in passato, e quando Sansa lo chiama con il proprio nome e cerca un contatto con lui è palesemente combattuto tra il Theon cresciuto con gli Stark, il Theon cattivo che abbiamo visto e Reek. Sansa cerca di far riemergere in lui il Theon che lei conosce da una vita e gli chiede aiuto, e lui, nonostante sia spaventato, sembra decidere di darle ragione. Quindi vediamo Theon andare verso la torre con la candela, o così sembra. Per un attimo ho pensato “Eh vedi che avevo ragione: ora piazzano la candela e Brienne la va a salvare”. Fantastico, peccato che Theon/Reek va da Ramsay e confessa tutto. Il risultato è Ramsay che fa chiamare Sansa e dopo averla trattata in modo fintamente amorevole le mostra il cadavere crocefisso della donna che le aveva offerto aiuto. Noto una certa somiglianza con Joffrey, peccato che continuo a credere che Ramsay almeno sia un po’ più affascinante. Oppure lo credo solo perché inizialmente ero favorevole a ciò che ha fatto a Theon. Non lo so, ma Sansa è di certo perseguitata dalla sfortuna. Anche se a volte penso che tre quarti delle cose accadute agli Stark siano colpa sua (ad iniziare dalla sua presunzione nel voler sposare Joffrey che l’ha portata praticamente al punto dov’è finita ora).

  • On the Wall

On the Wall vediamo poche scene. Jon Snow parte, e fin qui speriamo che torni almeno per la 5×10. Gilly e Sam accudiscono Aemon Targaryen sul letto di morte. Aemon avverte Gilly: vada via dalla Barriera e porti suo figlio al sud prima che sia troppo tardi. Detto, fatto. Aemon muore e alcuni Guardiani tentano di violentare Gilly che viene puntualmente salvata da Sam (dopo averci preso le botte) e il metalupo di Jon Snow. Per il resto non succede altro, o per lo meno io non ci ho visto altro di entusiasmante, ma non è una novità che io non ami quella parte della storyline (l’unico motivo per cui non skippo tutte le scene è Kit Harrington e il suo accento così british).

  • Da qualche parte al Nord

Da qualche parte al Nord, Stannis e Melisandre discutono delle strategie di guerra e lei se ne esce di nuovo ricordando al suo re quale sia il potere del sangue dei re. Allora, ci ricordiamo che questa donna aveva bruciato delle sanguisughe pronunciando i nomi di Robb e Joffrey e poi loro erano abilmente schiattati? Ecco. Vuole rifarlo. Anche se non è che ho capito bene con quale sangue, anche perché Stannis la rimprovera inorridendo e dicendo “è mia figlia”. Mh, l’inquadratura dopo, secondo me, dice il contrario. Stannis, qualsiasi cosa sia, ci sta facendo un pensierino.

  • Daario Naharis e la gelosia

Vedere le scene tra Daenerys e Daario è una delle cose che preferisco. Stanno troppo bene insieme e poi, la maggior parte delle volte che loro stanno insieme, vediamo una Daenerys più umana, meno regina. Oggi, Daario era geloso del futuro marito della sua Regina. Lei stessa gli spiega che è solo una mossa politica, e alla richiesta da parte di lui di sposare lui anziché l’altrodicuinonricordocomesiscrivailnome, lei risponde che non può. Daenerys, ahi ahi ahi. Poco dopo, finalmente, la conclusione del viaggio di Tyrion e Jorah. I due, ormai comprati come schiavi combattenti, arrivano all’interno delle fosse di combattimento e Jorah si esibisce in una carneficina sotto gli occhi della Regina che è costretta dalla tradizione ad osservare  i duelli. Non appena si toglie l’elmo, lei lo guarda risoluta e intima le guardie di toglierlo dalla sua vista. In quel momento Jorah dice di averle portato un regalo e Tyrion esce da  una grotta, incatenato, salutando la sua Regina e presentandosi con il suo vero nome. Non ho ancora guardato il promo del prossimo episodio, voglio sperare che sia incentrato su di loro, in gran parte. Non vedevo l’ora che si incontrassero e la scena, seppur molto attesa (forse troppo) si è rivelata bella. Finalmente la storyline di Daenerys incontra anche gli altri personaggi!

  • Dorne 

A Dorne Jaime e Bronn sono in prigione, ma ovviamente  un Lannister è un Lannister e quindi al posto di una cella ha una reggia. Jaime riceve la visita di sua figlia/nipote, la quale lo biasima per essere andato fin laggiù. Lei lì è felice, vuole sposare Tristan (si chiama così?), ci è andata per fare felice sua madre e adesso lei vuole che torni a casa? No, a lei non va. E ha ragione. Rinfaccia a Jaime di non conoscerla per niente, e lui ovviamente non può neanche dirle di essere suo padre. Mi viene un dubbio: ma solo lei e suo fratello non sanno che sono figli di Cersei e Jaime? Lo sanno tutti e loro no. Va bene, sorvoliamo.. Intanto Bronn si fa prendere un attacco di cuore nel vedere una delle astute figlie di Oberyn nuda. Le Vipere mi piacciono sempre di più, Bronn sempre di meno.

  • Approdo del Re

Qui la situazione sta degenerando un pochino. Tommen chiede in lacrime a sua madre di aiutarlo a liberare Margaery. Cersei lo abbraccia e sembra piangere anche lei, sebbene sappiamo tutti che è cattiva inside. Nel frattempo Lady Olenna va a trovare il nuovo Septon o come si fa chiamare e dopo un’accesa discussione lascia intendere di avere qualcosa da dirgli. Dopo di ciò, infatti, Cersei va a trovare Margaery in prigione fingendosi dispiaciuta per lei (cosa a cui la Regina non crede) e poi va anche lei a trovare il Septon. Discorso lungo e contorto al termine del quale, colpo di scena, Cersei viene arrestata e rinchiusa. L’episodio termina con la sua minaccia ad una delle persone che l’ha rinchiusa: “Guarda la mia faccia, sarà l’ultima cosa che vedrai prima di morire“. Un’idea circa il motivo della sua reclusione io me la sono fatta.. E voi? Beh, non è che ci sia da ragionare più di tanto.

Bell’episodio, ma è arrivato troppo tardi. E’ praticamente un mezzo incipit della storia, le pedine si sono appena sistemate: Sansa a Grande Inverno in attesa dell’assalto di Stannis, Jon alla ricerca dei Bruti, Daenerys e Tyrion che finalmente si incontrano, Cersei in carcere, Tommen che finalmente potrà regnare e Jaime prigioniero a Dorne dove nemmeno sua figlia lo vuole. Pedine in posizione e stagione agli sgoccioli. Ho paura che resterà così e sia solo una stagione di transizione. Spero di sbagliarmi, ma continuo comunque ad amare ogni singolo episodio già per il fatto che esiste. Detto ciò, alla prossima recensione! Fatemi sapere cosa avete pensato dell’episodio

 

#staytuned

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *