Game of Thrones – recensione 6×04

Game of Thrones – recensione 6×04

Ogni tanto ‘na gioia. Ma no, non è vero! GOT mi sta riempendo di gioie ultimamente. Sarà che la scorsa stagione era stata piatta, sarà che l’ho aspettato così tanto, sarà che c’è Jon Snow, sarà che boh ma sono felice. L’episodio di oggi è stato carico di pathos specie per quanto riguarda la storyline di Jon Snow anche se le mie aspettative sugli Stark continuano ad essere le stesse: non muoiono da troppo tempo. non voglio tirarla a nessuno, esterno solo le mie paure.

  • King’s Landing

A King’s Landing, che dalla scorsa recensione abbiamo prontamente ribattezzato Queen’s Landing, Margaery viene nuovamente presa in giro da un giro di parole dell’Alto Passero che inizia ad essermi simpatico quanto la gente che mi tratta da disagiata solo perché mi sveglio alle tre di notte per vedere GOT. Rivediamo anche il povero Loras, debole e senza speranza, che si attacca alla sorella come unico appiglio in un momento di grande tenerezza. Al tempo stesso Cersei mette da parte ancora una volta Tommen dandogli però l’idea di essere dalla sua parte. Forse inconsapevolmente, forse no, Cersei sta continuando a governare scavalcando suo figlio, ma il piccolo Tommen non è Joffrey e non sa tenere testa alla madre. Continuo a dire che questo porterà alla sua rovina. Lady Olenna fantastica come sempre e strana la nuova alleanza tra i Lannister e i Tyrell (sì, lo so che sono già imparentati, ma per una volta si trovano d’accordo dopo non so quante stagioni). Ma perché Cersei non vuole che Margaery faccia il cammino del pentimento? È davvero senso materno nei confronti di Tommen o solamente non vuole che l’Alto Passero l’abbia vinta? E se è così, lo odia davvero più di quanto odia Margaery? Ah, il potere…

  • Mereen

Tyrion si dimostra essere più ragionevole di Daenerys a trattare con gli schiavisti. Dimostra di essere, in altre parole, un politico, al contrario di Daenerys che ci teneva a definirsi una regina. Ora, io spero che lei salga sul Trono di Spade, ma vedendo cosa sta facendo Tyrion inizio a capire concretamente il motivo per cui non si è mossa dall’Essos per sei stagioni. Daenerys avrà anche seimila titoli altisonanti ma fondamentalmente nessuno le ha mai insegnato a trattare, si è sempre fatta forza attraverso i Dothraki, i draghi, gli Immacolati e la sua compassione. Non che fosse solamente compassionevole, anche lei ha dimostrato di essere spietata, ma non aveva le doti di Tyrion nel riuscire a ragionare con i nemici. Probabilmente proprio lui sarà colui che riuscirà a riportarla nel Westeros. Forza Tyrion siamo tutti con te!

  • Daario e Jorah

Daario e Jorah sono un perfetto teatrino. Non saprei cos’altro dire. Sì, Daario un po’ stronzo poco carino ma si vede che Jorah non porta rancore, altrimenti l’avrebbe già pietrificato. Mi è piaciuto come si sono addentrati nella Città Sacra. Bravi, non apparite mai ma quando lo fate siete simpaticissimi.

  • Daenerys

Credo che le azioni di Daenerys di questo episodio siano un po’ la summa di ciò che lei è stata e di ciò che sarà. Ha preso una decisione se vogliamo ancor più importante di quelle prese fin’ora: ha praticamente sterminato una decina di Khal. In una scena apocalittica tra le fiamme, Daenerys esce dal rogo nuda ma intatta, non bruciata, e tutto il Khalazar si inchina a lei, segno che ora è finalmente una Regina che ha deciso cosa fare della propria esistenza. Spero che abbia capito che deve cavalcare un drago andare a King’s Landing e fare arrosto tutto e tutti.

  • Iron Islands

Theon fa ritorno a casa. Sua sorella non lo apprezza, da brava donna di ferro lo ammonisce, lo rimprovera per quello che è stato in grado di fare. Ovviamente tra i due quella con le palle è lei, ma questo lo sapevamo già. Però per la prima volta guardando Theon ho solo pensato che mi facesse tenerezza senza pensare a tutti gli insulti che mi vengono dalla seconda stagione in poi. Strano eh. Però Alfie Allen è così bravo che oggi mi ha fatto quasi commuovere quando provava ad alzare lo sguardo per vedere sua sorella e aveva quegli occhi vuoti e impauriti. In tutto ciò, decide di aiutare sua sorella a reclamare il trono del deceduto padre. Ce la farà? E in che modo ciò influirà nella storyline generale? Forse il ritorno a casa di Theon aiuterà Jon con il suo piano di invasione di Winter Fell?

  • Winter Fell

A Winter Fell Ramsay riceve la visita di Osha, pronta per essere interrogata. La Bruta, intelligentemente, si rende subito disponibile per un interrogatorio un po’ più approfondito con Lord Bolton con l’intenzione reale di pugnalarlo. Per un attimo ho temuto per l’incolumità di Ramsay. Se proprio deve morire, che muoia per mano di Jon Snow (o per le zanne di Spettro!) non per quelle di Ninphadora Tonks. E niente, è lui a pugnalarla nel collo e lei muore. Adesso Rickon è veramente solo. Aia.

  • The Wall

Che spettacolo. A inizio episodio ho pianto. Il tanto atteso incontro c’è stato: Sansa ha avuto una mezza gioia nella sua vita e ha rincontrato Jon. La scena in cui si sono abbracciati è stata una di quelle più piene di pathos di tutta l’intera serie, i primi due Stark a riunirsi dopo sei stagioni. È stato carino anche il piccolo confronto in cui Sansa chiede al fratello di perdonarla per come si comportava quando vivevano a Winter Fell. Ho amato quando Jon promette a Sansa di non separarsi più da lei. A fine episodio, giunge una lettera indirizzata a Jon da Ramsay, i cui toni potrebbero praticamente essere riassunti con un bellissimo e sonorissimo [leggere in romano] “VIECCE”. Per la serie “Ah, Giosnò, viè a vede che ho fatto. Viè a vede quanto so cazzuto. Viè a vede come ho ridotto casa tua. VIECCE”. Peccato che quando Jon andrà, polverizzerà i Bolton. Jon si confronta con Tormund per capire quanti uomini avrebbe a disposizione e allora ho capito che anche Tormund ci lascerà le penne durante la battaglia, ecco perché oggi gli hanno fatto fare gli occhioni dolci a Brienne. Una delle mie più grandi supposizioni, al momento, è che Sansa scopra di essere incinta di Ramsay in modo da complicare ulteriormente la situazione.

Sempre alla Barriera, durante un piccolo dialogo tra Davos e Melisandre, stava per essere rivelato il destino della piccola Shireen. Credo che manchi poco affinché Davos non scopra cosa è successo. Mi domando cosa succederà dopo. Inoltre, Melisandre afferma che seguirà Jon perché è lui il principe che è stato promesso segno evidente che dovremmo scoprire qualcosa in più sulla storia di Jon nei prossimi episodi quando decideranno di far comparire Bran di nuovo.

Per oggi è tutto, sperando che anche il prossimo episodio resti sulla scia dei precedenti, passo e chiudo.

 

Ventisette anni, interprete, traduttrice, appassionata di viaggi e letteratura e con il sogno nel cassetto di diventare scrittrice. Nel frattempo scrivo racconti nell'attesa dell'ispirazione per creare qualcosa di migliore, venero i ravioli cinesi e mi drogo di serie TV.

Lasciaci un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PEZZIDIRICAMBIO24.it