Guida: Come Scegliere il tuo Primo Vibratore

Guida: Come Scegliere il tuo Primo Vibratore

Le abitudini di noi donne sono cambiate molto negli ultimi decenni, per fortuna. Non vogliamo più essere etichettate solo come principesse o casalinghe. Abbiamo ben altro da fare nelle nostre vite e possiamo benissimo essere dei piloti di aerei, camioniste, scienziate o chef stellate. Anche il sesso ha vissuto la sua rivoluzione: sempre più donne infatti usufruiscono della pornografia – la percentuale è quasi pari a quella degli uomini – e molte pratiche un tempo definite immorali oggi sono viste come assolutamente normali.

Non tutte sono così spigliate ovviamente, siamo tutte diverse. Ma se anche tu hai deciso di regalarti un sex toy (sapevi che il primo dildo della storia risale all’era del Paleolitico?), è arrivato il momento di seguire questa nostra guida su come scegliere un vibratore. Potrebbe essere il tuo primo giocattolo sessuale o forse ne hai già una collezione intera nel tuo comodino. In ogni caso, eccoti i nostri suggerimenti.

Scopri te stessa prima di tutto

Prima di scegliere un vibratore, devi conoscere te stessa. Sembra un mantra orientale impartito da un anziano monaco guru, ma la verità è che devi conoscere il tuo corpo. E chi meglio di te può farlo?

Pensa a quando vai a letto con il tuo uomo (o con i tuoi uomini) o a quando ti coccoli da sola. Cosa ti provoca il piacere? È la penetrazione che ti fa raggiungere l’orgasmo o è la solleticazione del clitoride? O forse sono entrambe le cose?

Devi anche capire se ti basta un semplice tocco delicato e soffice o se raggiungi le vette del piacere solo con una stimolazione dura e pura. Insomma, hai bisogno di maggiore intensità o più delicatezza? Conoscendo le risposte a queste domande, puoi scegliere il vibratore più adatto a te.

sex toy

Le tipologie di vibratori

Ora che sai cosa ti eccita, puoi passare alla scelta del vibratore più adatto alle tue esigenze. Sappi che esistono tantissimi tipi di vibratori: realistici per la forma, realizzati in silicone o materiali duri come il PVC, morbidi e colorati in jelly,  con telecomando, con ventosa, a forma di ovetto, con il wifi, rotanti e chi più ne ha più ne metta. Ma fondamentalmente si suddividono in due macrocategorie: vibratori per clitoride e vibratori per la penetrazione.

Gli stimolatori per clitoride sono quelli specifici per stimolarti proprio lì. Se questo è il tuo punto debole, sono i sex toy più adatti a te. Possono avere la forma simile ad un mouse per essere afferrati con una mano e appoggiati sulla pelle con la giusta dose di vibrazioni. Oppure possono avere una forma sferica, come una pallina vibrante il cui scopo è donarti piacere.

I vibratori classici sono invece quelli a forma allungata che possono o meno ricordare un fallo. Possono essere minimalisti con una superficie liscia o avere una forma realistica costruiti magari con un materiale che ricorda vera pelle umana. Il loro scopo è comunque basilare: essere inseriti in vagina per simulare una vera penetrazione. Le vibrazioni poi faranno il resto. C’è da dire che questi vibratori possono anche presentare una leggera curva accentuata verso l’alto appositamente studiati per sollecitare il punto G (responsabile tra l’altro del famigerato squirting).

Poi ci sono i vibratori rabbit, una sorta di ibrido tra i due stimolatori appena citati. Hanno una doppia punta: quella più grande va inserita internamente nella vagina, quella più piccola rimane nella zona circoscritta al clitoride per stimolarlo direttamente. Questo è il sex toy perfetto per tutte quelle donne che raggiungono l’orgasmo solo con la doppia stimolazione.

dildo per penetrazione

Quando si è in coppia

Esistono anche i vibratori specifici per la coppia. Gli anelli vibranti che puoi facilmente trovare anche in farmacia sono un tipico esempio di vibratori per coppia. Seppur di dimensione ridotta rispetto ai loro fratelli maggiori, questi piccoli sex toy sono stati progettati per dare spazio alla fantasia nel sesso di coppia. In alcuni casi sono però inefficienti come nel caso della posizione a 90: in questa posizione sarà impossibile per l’uomo penetrare la donna stimolando nello stesso tempo anche il clitoride con l’anello. Per questo ci si deve affidare anche a vibratori di diversa concezione: vanno bene quelli classici o quelli da usare insieme, letteralmente. Una punta va nell’ano dell’uomo, l’altra parte nella vagina o nell’ano della donna. Resterai sorpresa nello scoprire a quanti uomini piaccia giocare in questo modo.

Esistono anche i vibratori con telecomando o con app da collegare allo smartphone. In questo caso è il partner ad avere il controllo delle vibrazioni. La donna deve solo indossarlo sotto le mutande, all’uomo spetta il compito di farla eccitare (anche al cinema o al ristorante).

Le dimensioni contano, eccome

Non devi mai sottovalutare le dimensioni, specialmente quando puoi sceglierlo della lunghezza che più preferisci senza doverti accontentare di quello che madre natura ha offerto al tuo partner.

Fai affidamento alle descrizioni che trovi nei vari sexy shop online. I più affidabili pubblicano sempre le dimensioni sia in lunghezza che in larghezza.

Scritto da

Francesca Lanza

25 anni, futura nutrizionista, sempre a caccia di gossip e curiosità. Amo la moda, Robbie Williams e sogno di esplorare ogni angolo del mondo.

Lasciaci un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PEZZIDIRICAMBIO24.it