Hot Dudes Reading: bello ed intelligente, duo perfetto

Hot Dudes Reading: bello ed intelligente, duo perfetto

Dopo l’iniziativa documentario del fotografo Reinier Gerristen,’The Last Book’ a favore dei libri cartacei e della lettura, arriva una nuova iniziativa dal nome Hot Dudes Reading.
Si tratta di rubare scatti in metropolitana a ragazzi carini, attenti a leggere un bel libro o la loro rivista preferita.

hot-dudes-reading
photo credit: thegloss.com
635594324357532562-Hot-Dudes-Reading-1
Photo credit: wtsp.com

Questa tendenza sta impazzendo soprattutto su Instagram, dove migliaia di queste foto sono state condivise sotto l’hashtag #hotdudesreading e dove è stato realizzato un profilo da appena due settimane che conta già di più di 300 mila followers.

I creatori dell’account sono una ventina di ragazzi e ragazze di New York che hanno scelto di rimanere anonimi, di età compresa tra i 20 e i 30 anni ed hanno spiegato di aver avuto l’idea chiacchierando dei loro continui innamoramenti in metro.

B9nD5OVCYAAJzUF
Photo credit: scoopnest.com

Le foto pubblicate sono sempre accompagnate da una didascalia in cui si cerca di interpretare quello che sta passando per la testa del ragazzo di turno.

Chiunque avvisti un “soggetto” di questo tipo può inviare dunque la propria foto anche via mail, a hotdudesreading@gmail.com, l’importante però è che si tratti di libri cartacei e non di dispositivi di lettura elettronici, come specificato nella biografia dell’account (#NoKindles).

Non possiamo che essere d’accordo in quanto vedere un ragazzo così, immerso nella lettura non è cosa da poco: la vita è qualcosa di più di un paio di zigomi (Kate Winslet).

 

Non riesco a parlare di me facilmente, non so mai cosa dire perché sono più che convinta che non bastano due parole per raccontare una persona. Potrei fare “una lista della spesa “ per scrivere tutte le cose che adoro e che odio, ma mi dilungherei troppo quindi semplicemente dico che mi piace andare controcorrente e mi piace ascoltare le persone che hanno una storia, che hanno ancora voglia di far sentire la propria voce in un mondo fatto da stanze in cui si sente solo il rumore dei tasti sulla tastiera.

Lasciaci un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *