Kylie Jenner Challenge, un nuovo gioco stupido diventato virale.

Kylie Jenner Challenge, un nuovo gioco stupido diventato virale.

Spesso il web è la culla di iniziative “strane”, questa volta è il caso di una sfida bizzarra e (pericolosa), la Kylie Jenner Challenge.
Un nuovo gioco virale in cui le ragazzine tentano di ottenere delle labbra a canotto per imitare quelle di Kylie Jenner, sorellastra di Kim Kardashian, la quale è molto attiva sui social e si sarebbe già affidata alla chirurgia estetica per rendere più «morbida» la propria bocca.

KylieJennerChallenge-BellaNaija-April2015004
Photo credit: bellanaija.com

La sfida consiste nel poggiare un bicchiere o una bottiglia sulle labbra e creare un effetto “sottovuoto” che aumenterebbe automaticamente il volume delle labbra.

Sui social sono state moltissime le foto degli esperimenti fai da te postate sotto l’hashtag #KylieJennerChallenge, ma non sempre i risultati sono tra i più belli.

lips
Photo credit: kansascity.com

Questo gioco, infatti, presenta dei rischi: nei migliori dei casi si tratta di lividi, irritazioni e gonfiori dovuti all’alterazione della circolazione sanguigna in un punto delicato e pieno di vasi e capillari, ma che spariscono nel giro di poche ore. Nei casi peggiori, ferite e tagli profondi alle labbra, provocati dalla pressione eccessiva che si crea all’interno delle bottiglie e dei bicchieri utilizzati.

Dopo aver visto foto piuttosto spaventose, la stessa Kylie Jenner è intervenuta su Twitter scrivendo che il suo ruolo non è quello di spingere le ragazze a imitarla ma, piuttosto, di incoraggiarle a essere loro stesse.

Non sono qui per provare a incoraggiare le persone e le ragazzine a assomigliare a me o a pensare che dovrebbero avere il mio aspetto.
Voglio incoraggiare le persone e le ragazze come a essere loro stesse e a non aver paura di sperimentare con il proprio look.

Uno stupido gioco, un prezzo a cui ragazzine sono disposte a pagare per assomigliare al loro modello!

Non riesco a parlare di me facilmente, non so mai cosa dire perché sono più che convinta che non bastano due parole per raccontare una persona. Potrei fare “una lista della spesa “ per scrivere tutte le cose che adoro e che odio, ma mi dilungherei troppo quindi semplicemente dico che mi piace andare controcorrente e mi piace ascoltare le persone che hanno una storia, che hanno ancora voglia di far sentire la propria voce in un mondo fatto da stanze in cui si sente solo il rumore dei tasti sulla tastiera.

Lasciaci un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *