Leighton Meester è mamma.

Leighton Meester è mamma.

Leighton Meester è mamma. La star e Adam Brody sono diventati genitori per la prima volta!

Ad ufficializzare la notizia è UsMagazine secondo cui il parto è avvenuto una settimana fa nel più totale riserbo. I rappresentanti della coppia non hanno voluto rilasciare dichiarazioni a riguardo, infatti, il sesso e il nome del neonato sono ancora top secret.

Secondo il certificato di nascita ottenuto da TMZ, il nome sarebbe Arlo Day, mentre la data di nascita, il 4 agosto alle 00.12, a Whittier, California.

Photo credit: http://i2.mirror.co.uk/
Photo credit: http://i2.mirror.co.uk/

Lo scoop sulla prima gravidanza di Leighton Meester era stato lanciato dal magazine Us Weekly a metà maggio e aveva fatto rapidamente il giro del mondo e del web. Adam Brody e Leighton Meester stanno insieme da oltre due anni, dopo essersi conosciuti sul set del film “Scusa, mi piace tuo padre”.  I due, infatti,  si sono fidanzati ufficialmente nel novembre del 2013 e si sono sposati in gran segreto nel febbraio del 2014.

b06a6501-974f-4e38-88d8-25feaba9ff7cIl desiderio di una famiglia numerosa non l’hanno mai nascosto.
«La maggior parte delle persone che conosco stanno iniziano a sposarsi.
Io questo passo l’ho già fatto, adesso vorrei avere tanti bambini» aveva detto l’ex stella di Gossip Girl in un’intervista.

Anche Adam in precedenza ha scherzato su questo argomento con una fan.  Alla domanda quanti bambini che stavano progettando di avere, ha detto: “Io dico dodici E decido.”.

In attesa della conferma ufficiale, facciamo le nostre congratulazioni e i nostri migliori auguri ai neo-genitori.

Avatar
Non riesco a parlare di me facilmente, non so mai cosa dire perché sono più che convinta che non bastano due parole per raccontare una persona. Potrei fare “una lista della spesa “ per scrivere tutte le cose che adoro e che odio, ma mi dilungherei troppo quindi semplicemente dico che mi piace andare controcorrente e mi piace ascoltare le persone che hanno una storia, che hanno ancora voglia di far sentire la propria voce in un mondo fatto da stanze in cui si sente solo il rumore dei tasti sulla tastiera.

Lasciaci un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *