Le donne di Liora K.

Le donne di Liora K.

When was the last time you opened up your browser and saw a beautiful image of a body shape that looked just like yours?
When was the last time you saw an image of skin markings that looked just like yours? When was the last time you saw an image of breasts that looked just like yours? An ass that looked just like yours? Scars that looked just like yours? A belly that looked just like yours?

Liora K., theexposeproject.com

liorak

Ancora una volta la fotografa Liora K. parla alle donne, parlando di donne. Con la collaborazione di Jes, ha deciso di prendere in mano le redini della situazione e andare al di là dei canoni imposti, di quella bellezza che viene propinata continuamente sulle riviste e in televisione, una bella che è vera, non perché perfetta, ma perché quotidiana, comune e, in un certo senso, universale.

Il progetto nasce nel 2013, quando 68 donne si prestano a posare nude per Liora K. Nude e naturali, senza trucchi o foto ritocchi, donne ordinarie che, davanti al suo obbiettivo, mostrano corpi nei quali chiunque potrebbe rispecchiarsi.

I primo fotoshooting le prende a tal punto che Jes e Liora K. decidono che non è abbastanza. Organizzano un secondo evento al quale prendono parte questa volta 98 donne. Lo definiscono una prova di self-trust, c’è una forte volontà di mostrarsi e mettersi in gioco.

 

liorak

We all know that what we see in the media isn’t the whole story. It’s not representative of all of us. And because of what we see (or rather DON’T see) we start to believe that we are the only one with our particular stretch marks.
And when we feel alone in our body, we feel as though we are not enough. When the truth is: we are MORE than enough. And we are not alone.

Un’esposizione nata con la chiara intenzione di mostrare al mondo quello che non ci viene detto, quello che nessuno ci fa vedere. Un modo, a mio avviso, di ricordare a tutti che siamo unici, ma non soliper sottolineare quella differenza sostanziale eppure così labile che è lo stare soli e il sentirsi soli.

Anna Ombra Brambilla

1/4 di secolo e la calcolatrice per fare 2+2.

Commenti

1 Commento
  1. posted by
    shoe lifts insoles
    Set 4, 2016 Reply

    I blog frеquently and I genuinely thank you foг your content.
    The artіcle has really peaked my interest. I’m going
    to boⲟk mark your bⅼog and keep checҝing for neԝ information about once per week.
    I subscribed to your Feed tоo.

Lasciaci un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *