Romania Magica: Behind the scenes

Romania Magica: Behind the scenes

27 Luglio 2015

I giorni prima della partenza sono sempre i più “strani”. Si passa dall’essere super indaffarati a preparare abiti,
tecnologie e oggetti da portare via (e all’organizzazione del viaggio stesso) a giorni di assoluto relax pensando:

Lo farò dopo, ho tempo!“.

Valigie

E così si arriva al giorno prima della partenza a non aver stirato proprio QUELLA maglietta che bisogna portare per forza, a riempire le valigie con tutti i miliardi di “non si sa mai” e “se poi mi serve?” e a pianificare soste, campeggi e ad impazzire con varie coordinate.

È sempre così.

Pur viaggiando da 20 anni -praticamente da quando sono nata – mi riduco, insieme ai miei genitori, sempre all’ultimo giorno. Il giorno prima si corre a lavare e sistemare il camper, a svuotare le memory card delle fotocamere e telecamere, a caricare le batterie, ad aggiornare le mappe del navigatore e via discorrendo. Per non dimenticare la spesa! Chi, come me, viaggia col camper -quindi si parla di turismo itinerante- sa che bisogna fare scorte.

E quando? Ma ovviamente il giorno prima! E manca sempre qualcosa da comprare strada facendo.

E se i giorni prima della partenza sono così impegnativi, provate ad immaginare di dover partire un giorno prima.

Il caos che c’era, pur sapendo che mancavano solo pochi giorni alla partenza si è praticamente raddoppiato, sapendo che si parte….DOMANI! Domani si parte per la Romania!

11348266_118217571854871_1274820039_n

E allora via, inizia il tour de force per lavare e stirare i vestiti (sempre che facciano in tempo ad asciugarsi), preparare le ultime cose tecnologiche e cercare di terminare l’itinerario.

Ci avete mai provato? No? Ecco, non provateci mai!

È categoricamente impossibile ricordare tutto quello che c’è da prendere e preparare e partire tranquilli con un solo giorno di preavviso.

Ecco perché all’una di notte mi ritrovo ancora a spostare le canzoni dal PC all’mp3. Senza sottolineare che non ho i bagagli preparati, oltre che il beauty dei trucchi.

Non ce la farò mai!

Dimenticherò, senza ombra di dubbio, 3/4 di tutto quello che mi serve e sarò costretta – mio malgrado – a fare shopping strada facendo.

Ma è questo il bello del turismo itinerante.

Fermarsi quando si vuole e quando se ne sente il bisogno.

Fermarsi quando si vede per strada un mercatino di frutta fresca, una bancarella col formaggio e miele locale.

Fermarsi quando si vede un panorama da fotografare assolutamente o quando la strada è troppo tortuosa e lo stomaco non ne può più.

10005440_528283277322978_1667984015_n11899702_475351612634489_1108132921_n

È questo il bello.

Fermarsi non smettendo mai di essere in viaggio.

Seconda parte >>

Forse un po' ce l'ho scritto nel nome il mio destino. O meglio, nel cognome. Amo viaggiare e fotografare qualsiasi dettaglio che a molti è sfuggito e appuntare tutti i pensieri e le sensazioni che il viaggio mi suscita. Adoro fotografare la natura e l'autunno. Facciamo prima: la natura d'autunno. Di solito, in un gruppo di persone, sono quella che rimane sempre indietro per fare foto a destra e sinistra, o al cielo, mio grande protagonista ed ispiratore. Quello che scrivo e che fotografo mi descrivono.

Commenti

1 Commento
  1. posted by
    Romania magica: the end | Forelsket
    Lug 6, 2016 Reply

    […] Romania Magica: Behind the scenes […]

Lasciaci un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *