Tutto molto bello – OUAT 4×19

Tutto molto bello – OUAT 4×19

La gente odia il lunedì. Io lo amo. Dopo aver lavorato tutto il weekend, il lunedì mattina riposo, posso dormire, posso vedere Once e Game of Thrones. Che giorno bellissimo!

Dunque stamattina mi alzo, prendo il portatile, mi rimetto a letto e cerco lo streaming della 4×19 di Once.

Prima scena: l’Apprendista parla con una specie di energia blu come il genio della lampada che a questo punto credo sia il vero Stregone, e gli racconta cosa è successo con l’Autore e la figlia di Malefica. Se devo essere sincera, nonostante guardi la serie in inglese senza sottotitoli, le parole della nuvola blu le ho capite a malapena perché non si sentiva nulla, ma il succo era questo.

Scena successiva: una bara, un funerale. Cruella. Non ci voglio credere, speravo la resuscitassero in qualche modo. E’ stato alquanto triste per me, l’hanno fatta fuori così senza remore. Sono stati dei cattivoni.

Un minuto dopo, Malefica entra da Granny’s dove Emma si giustificava con se stessa e la sua famiglia dicendo di essere pentita per aver ucciso Cruella (ma lasciando intendere di non esserlo). Malefica chiede ad Emma di riportarle sua figlia e nel momento in cui le dice il nome della bambina tutto ha un senso per Emma: nella sua vita niente è stato lasciato al caso, né suo figlio, né i suoi amici. Ovviamente anche questa è una bella botta.

Emma e Regina decidono di partire alla ricerca di Lily in primis e di Robin poi. Epico il commento di Regina una volta entrata nelle case occupate dove avrebbe dovuto vivere Lily

 

Perché ho creato Storybrooke se avrei potuto maledire tutti facendoli vivere qui?

 

Regina ha vinto. Qualcuno dice ad Emma che Lily è morta così Emma e Regina se ne vanno, ma sulla via del ritorno si imbattono in un lupo che fa uscire Emma di strada e le costringe a fermarsi. Stop tutti, ora parliamo del destino. Ma prima parliamo del rapporto che ho io, Giulia alias tizia che scrive le recensioni a buffo, con il destino. Proprio l’altra notte, in piena nullafacenza, avevo rivisto il primissimo episodio per concedermi il piacere di vedere un Graham ancora vivo e vegeto. E niente, anche lì Emma viene mandata fuori strada da un lupo. Se non l’avessi visto oggi non avrei colto il rimando (che poi, no, non è vero, Emma ne parla, ma non me ne sarei comunque ricordata). Viva me e viva il destino che mi ama. Comunque, stavolta il lupo (un giorno ce lo spiegheranno o resterà un mistero?) che secondo me impersona il destino fa sì che Emma rincontri la sua amica. Un incontro a metà tra lo scontato e il toccante: Lily racconta di non aver pensato ad Emma neanche una volta e le sbatte in faccia la sua vita perfetta tra figlia e marito. Emma, che a questo punto si sarà anche sentita un po’ sfigata, non crede a questa faccenda e va ad indagare a casa della sua ex amica.

In dei flashback vediamo che l’amicizia tra Emma e Lily non era proprio finita nell’ultimo ricordo che abbiamo visto con Ingrid, ma che comunque entrambe avevano continuato ad influenzarsi a vicenda e rovinarsi le vite l’un l’altra. Tutto molto bello e molto commovente, certo, se non fosse che praticamente tutto era successo per colpa di Biancaneve e Principe Azzurro che, come ci ricorderà Lily tra poco, non si erano fatti scrupoli a condannare ad una vita nel mondo reale ben due bambine. E noi ancora che li difendiamo, ma va benissimo così.

Una volta a casa di Lily la sconvolgente scoperta: nessuna traccia di marito o figli, ma una parete tappezzata di fogli, foto e cartine geografiche ritraenti Storybrooke e i suoi abitanti, con inquietanti linee e puntine a collegare persone e fatti. Lily, dunque, sapeva tutto. La prima reazione che ho avuto a ciò è stata il voler sapere chi le avesse detto tutto. Per un attimo ho pensato Rumpel, ma mi sono chiesta quando. Poi ho pensato a Pinocchio, ma dopotutto non sarebbe stato così infame. Ho pensato anche a Neal, ma sarebbe stato bruttissimo. Allora ho pensato che prima o poi me l’avrebbero spiegato trovando una scusa quasi plausibile. In quel frangente, nel frattempo, Lily ruba il maggiolone giallo di Emma e lei di risposta ruba la macchina di Lily. Geni veri. Inseguimento degno di Fast&Furious in cui mi sono chiesta se ad Emma qualcuno avesse mai insegnato che in curva non si supera, per di più in una strada a doppio senso con linea continua. Ma forse negli Stati Uniti si può, mi devo informare. Sempre nell’incalzante stile badgirl che contraddistingue l’episodio, Emma scende dalla macchina dopo aver bloccato il passaggio a Lily e così fa l’ex amica. Come tutte le amiche di vecchia data che si rispettino, fanno a pugni. Perché Lily, e non ha tutti i torti, ha un tantinello di risentimento nei confronti di Biancaneve e Principe Azzurro e vorrebbe fargliela pagare. Emma, credendo di fare la cosa giusta, le punta una pistola al petto. A questo punto ci ricordiamo che esiste anche Regina, la quale si mostra in tutta la sua evoluzione nel corso delle quattro stagioni. Spiega ad Emma che la morte di Cruella è stata un incidente ma l’avverte che se premerà il grilletto stavolta sarà un atto di volontà dal quale sarà difficile tornare indietro. Le ricorda che lei è stata così ed è migliorata, implicitamente dicendole che è anche merito suo. Regina sta cercando di tenere Emma dalla parte dei buoni, e qua ancora che c’è gente a dire che non merita il suo Happy Ending. Regina merita tutto, è un personaggio molto positivo che migliora vistosamente restando sempre nei limiti del reale e non sembrando ipocrita. 10 + a chi l’ha ideata in questo modo. Emma non spara e Lily le racconta la storia: vediamo in un flashback l’Apprendista che incontra Lily su un pullman e le spiega la verità. Alla fine del racconto, Emma e Regina si incamminano verso Robin per salvarlo da Zelena, invitando Lily ad andare con loro come se due minuti prima Emma non le avesse puntato una pistola al petto. Tutto molto bello anche questo.

Prima di chiudere con il gran finale, piccola parentesi su Gold e Belle, che spero possa anche spiegare il finale di questo episodio che mi ha lasciato con un’espressione identica a quella che assume Emma a fine episodio, che se riesco caricherò di seguito e che dopo vi dirò con quali parole si traduce. Dunque, Gold, sapendo che il cuore di Belle è nell’ufficio di Regina sorvegliato da Malefica, invia Will Scarlett a rubarlo per lui. Will ci riesce perché Malefica dorme un pochino in piedi e Gold è dieci passi avanti rispetto a tutti, e lo restituisce a Belle. Molto bella e toccante la conversazione tra i due ex coniugi in cui un Gold dispiaciuto spiega a Belle che avrebbe dovuto prendersi più cura di lei e che ora lo farà Will per lui. Secondo me se la sta arruffianando di nuovo facendo la vittima, la butto lì, un’ipotesi così pour parler. Da Gold ci si può aspettare questo e altro. Belle, infatti, viene messa in crisi da tali parole e sfugge al tocco di Will che poverino avrà capito che a breve sarà scaricato.

Ora, torniamo al nostro gran finale. La cosa è bellissima, vediamo se riesco a raccontarla altrettanto bene. Emma, Regina e Lily bussano alla porta di Robin Hood il quale esce e abbraccia Regina dicendole che gli è mancata. Ok, molto commovente. Regina intima a Robin di scappare perché Marion non è Marion, lui non ci crede e Marion rientra. Mentre Robin continua a difenderla lei riassume le sue sembianze da Wicked Witch  ma Robin continua a dire, nonostante tutto, che non vuole andarsene. In quel microsecondo nella mia testa frullava una frase, ma continuavo a ripetermi “no, non è possibile” a ripetizione. Quando poi..

She is pregnant”.

Ora, a questa frase, Emma assume un’espressione che dice tutto,

faccia emma

talmente eloquente che avrei voluto iniziare e terminare la recensione solo con la sua faccia senza scrivere nulla, qualcosa tipo

ma che cazzz… dove siamo finiti? Che sta a di questo? Che telefilm è? Ho sbagliato canale? Ho sbagliato mondo? Non capisco nulla, vi prego aiutatemi, sceneggiatori la cosa vi è sfuggita di mano, va bene tutto ma questo è davvero troppo, questo non è Lost. Portatemi dell’acqua, per favore, altrimenti brucio tutti i libri di favole”.

Ecco, una cosa del genere. Non la voglio commentare, non ci riesco proprio. Ho perso le facoltà di commento. Una cosa sola, però, la voglio ipotizzare: che sia stato Gold, ormai non più succube di Regina visto che Belle ha di nuovo il suo cuore, ad architettare tutto? Lo spero.

Vi lascio a riflettere su ciò, nel frattempo buona settimana e #staytuned.

Ventisette anni, interprete, traduttrice, appassionata di viaggi e letteratura e con il sogno nel cassetto di diventare scrittrice. Nel frattempo scrivo racconti nell'attesa dell'ispirazione per creare qualcosa di migliore, venero i ravioli cinesi e mi drogo di serie TV.

Lasciaci un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PEZZIDIRICAMBIO24.it