Un tatuaggio speciale per far sentire la figlia speciale.

Un tatuaggio speciale per far sentire la figlia speciale.

E’ successo in Inghilterra, dove Honey-Rae, una bambina di appena 18 mesi, è nata con una grande voglia che si estende su tutta la gamba destra.
I suoi genitori, Tanya e Adam, hanno deciso di farsi un tatuaggio speciale per far sentire la figlia speciale: tatuarsi la stessa voglia della loro piccola nello stesso identico punto.
Una scelta coraggiosa ma apprezzata dalla piccola che quando ha visto i tatuaggi ha commentato, indicando la sua gamba: “E’ uguale!”.

Tanya-Phillips-along-with-her-husband-Adam-and-daughter-Honey-Rae
Photo credit: http://cdn.inquisitr.com/ Un tatuaggio speciale per far sentire la figlia speciale.

I due genitori hanno raccontato la loro storia al quotidiano britannico Daily Mirror, dando anche qualche spiegazione.

L’abbiamo fatto per far sentire Honey-Rae speciale, per farle capire che la sua voglia è qualcosa di cui andare fieri, non qualcosa da nascondere. Qualcuno penserà che ciò che abbiamo fatto sia esagerato, ma, dal nostro punto di vista, servirà a non farla sentire mai diversa. Mamma e papà avranno i suoi stessi segni permanenti.

ha spiegato la mamma Tanya.
La piccola, quando è nata, ha lottato per sopravvivere e perciò quando è uscita dall’ospedale, hanno pensato a ricoprirla d’affetto e a proteggerla da tutto.
Quando si sono accorti che gli occhi dei passanti alla prima uscita della piccola con pantaloni corti, cadevano su quella macchia e bisbigliavano, sono corsi ai ripari.

Eravamo al supermercato quando ho visto una coppia di anziani che fissava la gamba di Honey-Rae. È stato il momento in cui tutte le mie preoccupazioni hanno avuto conferma. Le persone riescono ad essere così crudeli, anche senza accorgersene.

ha raccontato la mamma.
Il primo a farsi il tatuaggio è stato il padre, Adam, come “regalo di Natale” per la moglie.
Tany, invece, l’ha fatto quando ha compiuto 40 anni.
Le persone, a volte, possono essere molto cattive, ma fortuna che ci sono i genitori a farci sentire speciali.

Non riesco a parlare di me facilmente, non so mai cosa dire perché sono più che convinta che non bastano due parole per raccontare una persona. Potrei fare “una lista della spesa “ per scrivere tutte le cose che adoro e che odio, ma mi dilungherei troppo quindi semplicemente dico che mi piace andare controcorrente e mi piace ascoltare le persone che hanno una storia, che hanno ancora voglia di far sentire la propria voce in un mondo fatto da stanze in cui si sente solo il rumore dei tasti sulla tastiera.

Lasciaci un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *